20141219

Frozen River


Secondo cinepanettone per paginaQ, col quale ci discostiamo parecchio dai buoni sentimenti natalizi - ci metto sempre un po' a trovare film interessanti per i temi che certe volte mi pento di aver scelto. Ma inaspettatamente questo tema natalizio invece mi sta dando grosse soddisfazioni.
Stay tuned.
Frozen River merita il grande schermo del cinema, non tanto perché abbia chissà quale fotografia, ma tutta quella neve non si apprezza negli schermi piccoli. Notevoli le due figure femminili che ti rimangono addosso per tutte le vacanze di Natale.

20141216

Millions



E con dicembre invece arriva il natale e col natale i cinepanettoni di videoteque. Quindi cominciamo subito e bene con questo film dei buoni sentimenti di Danny Boyle. Non è Trainspotting ma ve lo consiglio: Millions.

20141214

La foto


Tree frogs in Indonesian Borneo appear to perform acrobatics to retain a precarious grip on a slender branch. Photograph: Harfian Herdi/Media Drum World

Dal sito del The Guardian.

20141212

Racconti di Stoccolma



E' l'ultimo film visto per paginaQ a novembre che faceva parte della serie violenza contro le donne. Film svedese, sono tre storie legate alla violenza non solo contro le donne che si svolgono a Stoccolma ma non si incontrano. Niente di che. Qui la recensione.

20141202

Boyhood



Poi guardo anche film non per paginaQ.
Tipo questo.
E' un film di cui si è molto parlato. Il regista è Richard Linklater, quello della trilogia Prima dell'Alba, Prima del Tramonto, Prima di Mezzanotte. Uno di questi li ho visti, non ricordo quale, ma non mi fece particolarmente impazzire.
Invece la trilogia è CULT.
Ho visto anche Bernie, che invece ho trovato molto bellino e lo consiglio vivamente. E' una dark commedy con Jack Black, Matthew McConaughey e Shirley MacKlaine.
Toh, ha fatto anche Waking Life che è un altro film CULT che però non ho visto.
Linklater è regista decisamente CULT.

Boyhood, però, dicevamo.
Di Boyhood si è molto parlato perché Linklater per raccontare la crescita di un ragazzino, Mason, dai 6 ai 18 anni non usa attori diversi per mostrarcelo nelle sue varie fasi di crescita, ma usa lo stesso. Richard Linklater per girare Boyhood ci ha quindi messo 12 anni, e insieme al ragazzino protagonista (Ellar Coltrane), per quei 12 anni ha seguito anche la sua sorella maggiore nel film (interpretata dalla figlia di Linklater, Lorelei Linklater), e i due attori che impersonano i genitori, Patricia Arquette e Ethan Hawk, quest'ultimo già protagonista della trilogia CULT di cui sopra.
Questo 'semplice' accorgimento rende Boyhood estremamente intimo. Non accade nulla nel film. O forse accade tutto. E' la storia di un ragazzino che diventa grande, un ragazzino normale, che fa una vita normale, con una famiglia normale, che normalmente va a scuola insieme ai suoi amici normali (una normalità texana però). Noiosa questa normalità si potrebbe pensare.
Invece no. Le quasi tre ore di Boyhood passano che neanche te ne accorgi e rimangono con te anche dopo, perché alla fine di quelle quasi tre ore tu e Mason siete davvero cresciuti insieme, e sono davvero passati dodici anni. Alla fine delle quasi tre ore a Mason gli vuoi un gran bene.
Certo un bel corraggio aver scommesso su un ragazzino di 6 anni.